Pagine semplici

11 Ottobre 2016

Ulrich Windfuhr, direttore

Written by

Ulrich Windfuhr, nato a Heidelberg ha studiato direzione d’orchestra a Colonia, Vienna e Siena e ha seguito numerose masterclass sotto la guida di Franco Ferrara, Carlo Maria Giulini, Gennadi Roshdestvensky e Leonard Bernstein. Nel 1985 è stato premiato al Concorso Internazionale di Direzione d’Orchestra “Vittorio Gui” e nel 1986 al Concorso Janos Ferencic di Budapest. Pianista e Accompagnatore presso il Teatro di Dortmund, nel 1990 è stato nominato Kapellmeister allo Staatstheater di Norimberga e nel 1993 allo Staatstheater di Hannover. Fra il 1998 e il 2003 è stato Direttore Musicale Generale a Kiel, ricevendo l’attenzione internazionale per le produzioni “Die schweigsame Frau” e “Die Liebe der Danae” di Richard Strauss, per il ciclo delle opere di Franz Schrecker e per la Tetralogia di Richard Wagner. 

Nella sua pluridecennale carriera ha diretto numerosi concerti in Germania, Svizzera, Ungheria, Italia, Olanda e Stati Uniti, ed è stato Direttore ospite presso prestigiosi teatri tedeschi, come la Deutsche Oper di Düsseldorf-Duisburg, il Theater Bonn, il Nationaltheater Mannheim e la Deutsche Oper di Berlino.Ha inciso of "Das Spielwerk und die Prinzessin" di Franz Schecker per CPO, ottenendo il Diapason d’Or e il premio Choc de la musique, nonché il premio della critica discografica tedesca. I suoi concerti sono stati trasmessi dalle radio NDR, WDR, DLF e dalla ZDF. Dal 2013 è titolare della cattedra di Direzione d’Orchestra presso l’Università di Amburgo, compito che lo impegna a lavorare costantemente con gli Hamburger Symphoniker.

11 Ottobre 2016

Marco Salcito, chitarrista

Written by

Si è diplomato con lode presso il Conservatorio "L. D'Annunzio" di Pescara sotto la guida del M° L.Guerra. In qualità di borsista ha frequentato i corsi triennali  di Alto Perfezionamento dell'Accademia Chigiana di Siena ottenendo diplomi di merito. Si è laureato "Solisten" presso la Musik Akademie dert start di Basilea nella Konzert Klass del M° O. Ghiglia. 

E' risultato vincitore di premi in importanti Concorsi Internazionali come il "F.Sor" di Roma (1°premio),il Concorso Internazionale di Mottola (1° premio)", "M. Giuliani" di Bari (2°premio), il "R.Bartoli" di Salon en Provence (2° premio), Il Concorso Internazionale della Scuola Civica di Milano (1° premio) "G. Ansalone " di Milano (1° premio) ha inoltre ricevuto premi e riconoscimenti nei Concorsi Internazionali di Gargnano, "Yamashita" di Berlino, "Le Printemps de la Guitar" di Charleroi e "A. Segovia" di Palma de Mallorca.

E' stato ospite di prestigiose stagioni concertistiche come Il Festival Nuova Consonanza di Roma, Maisterkonzert di Stoccarda, l' Istituzione Sinfonica Abruzzese, La New York University, Amici della musica di Cosenza , la Hong Kong Academy for Performing Arts e molte altre.

Ha effettuato concerti con diversi gruppi di musica da camera come il Quintetto Italiamusica, la cembalista Chiara Massini, il clarinettista Gianluca Sulli e la violinista Aurelia Macovei con la quale sarà in tournée nelle principali città della Cina il prossimo Novembre 2016.

Tiene regolarmente masterclasse ed è titolare della cattedra di Chitarra presso il Conservatorio "L. D'Annunzio di Pescara.

Ha inciso in prima esecuzione composizioni di autori contemporanei italiani per la Bongiovanni di Bologna, Les Production D'Oz e la RAI Trade. Nel 2007 è stato edito il primo cd dalla Violipiano Records con sue composizioni dal titolo Rosso gitano. Ha inciso per la Wide Classique con il clarinettista Gianluca Sulli il cd Scaramouce con un programma sulle influenze della musica brasiliana  nei compositori europei.

Nel 2014 la Dynamic ha pubblicato il suo ultimo doppio cd Le Variazioni Goldberg di J. S. Bach, che racchiudono tre anni di intenso lavoro di trascrizione ed arrangiamento. Il disco, unico nel suo genere, ha ricevuto ampi consensi dalla critica e dalle riviste specializzate

11 Ottobre 2016

Ettore Pellegrino

Written by

Violinista italiano di fama internazionale, si diploma con il massimo dei voti e la lode, e si perfeziona con i più grandi interpreti del mondo. Dal 2010 è membro del prestigioso complesso da camera “I Musici”. Come solista si è esibito con il “Tosti Ensemble”, con il complesso “Archi dell’Orchestra di Roma” e con Philipp Moll e i Solisti della Scala. Ricca anche la sua attività discografica, ha effettuato numerose incisioni discografiche anche nel campo della musica da film. E’ stato primo violino in diverse orchestre e formazioni cameristiche, costante presenza nell’Orchestra del Teatro alla Scala di Milano e nell’omonima Orchestra Filarmonica. Unisce all’attività concertistica quella di organizzatore musicale di stagioni liriche, stagioni sinfoniche, tour internazionali, festival. Dal gennaio 2011 all’agosto 2015 ha ricoperto il ruolo di Direttore Artistico della ICO Orchestra Sinfonica Abruzzese; dal 2012 a tutt’oggi ricopre il ruolo di Direttore Artistico della Deputazione Teatrale Teatro “Marrucino” di Chieti; è inoltre Direttore Artistico del Festival “Settimana Mozartiana” (XIII edizione 2012, XIV edizione 2013, XV edizione 2014, XVI edizione 2015). È docente titolare della cattedra di violino presso il conservatorio “U. Giordano” di Foggia – Sez. staccata di Rodi Garganico. È costantemente invitato come docente in master class in Italia e all’estero, in numerosi corsi di alto perfezionamento musicale di violino e musica da camera.

Primo violoncello solista dell’Orchestra di S. Cecilia, Luigi Piovano si è diplomato in violoncello a 17 anni col massimo dei voti e la lode sotto la guida di Radu Aldulescu, con cui si è diplomato in violoncello e musica da camera anche a Parigi. Nel 1999 è stato invitato da Maurizio Pollini a prender parte al “Progetto Pollini” al Festival di Salisburgo, ripreso alla Carnegie Hall, a Tokyo e a Roma. Ha tenuto concerti di musica da camera con Sawallisch, Chung, Lonquich, Lugansky, Sitkovetsky, Kavakos, le sorelle Labeque. Dal 2007 suona regolarmente in duo con Sir Antonio Pappano e dal 2009 fa parte del trio Latitude 41. Ha suonato come solista con orchestre come l’Accademia di Santa Cecilia, la Tokyo Philharmonic, la New Japan Philharmonic e la Seoul Philharmonic sotto la direzione di Chung, Pletnev, Boreyko, Menuhin, Bellugi.
Suona un Alessandro Gagliano del 1710. Dal 2008 è direttore artistico dell’Estate Musicale Frentana.
Come direttore ha registrato per Naxos e ha collaborato con solisti come Bacalov, Bollani, Sitkovetsky, Thiollier. Nel 2012 Eloquentia ha pubblicato un CD in cui dirige i Kindertotenlieder e i Lieder eines fahrenden Gesellen di Mahler con Sara Mingardo, premiato in Francia come miglior CD di Lieder dell’anno.
Dal 2012 è direttore musicale dell’Orchestra ICO della Magna Grecia e dal 2013 di Roma Tre Orchestra. Nel 2013 ha avviato una collaborazione stabile alla testa dell’Orchestra d’Archi dell’Accademia di Santa Cecilia con la quale ha già registrato tre CD.
Fra i suoi impegni più recenti come direttore, il debutto sul podio della New Japan Philharmonic.

Nell’anniversario scespiriano 2016, IV centenario della morte del grande drammaturgo inglese, l’Istituzione Sinfonica Abruzzese e Teatro Zeta hanno realizzano lo spettacolo teatrale e musicale Sogno di una notte di mezza estate: il testo scespiriano nel nuovo adattamento del regista Livio Galassi, presentato in prima nazionale, accompagnato dall’esecuzione integrale delle musiche di scena composte da Felix Mendelssohn nel 1843 per Federico Guglielmo IV di Prussia.

Lo spettacolo è un contributo forte alla riflessione sulla epocale migrazione che dagli scenari di guerra africani spinge verso l’Europa centinaia di migliaia di individui che affrontano un viaggio di resistenza lungo migliaia di chilometri che attraverso il deserto li porta sulle sponde di quel mare che è la loro speranza, ma anche una ulteriore disperata prova di resistenza. 

11 Ottobre 2016

Concerto per Amleto

Written by

La voce dell’attore e il suono dell’orchestra: i capolavori di due grandi Maestri, Shakespeare e Shostakovic, sono presentati in una interessante relazione dialettica dalla attualissima rilettura di Gifuni, che proietta l’Amleto di Shakespeare sul potente affresco sonoro realizzato dal grande compositore russo in due occasioni: nel 1932 con le Musiche di scena op. 32a composte per lo spettacolo teatrale del regista Nikolaj Akimov, e nel 1964 con la Suite op. 116, colonna sonora del film “Amleto” di Grigori Kozintsev, che si avvaleva dell’adattamento di Boris Pasternak.

Ha svolto  un’intensa attività in Italia e all’estero; è stato ospite di complessi come l'Orchestra della Suisse Romande, l'Orchestra del Mozarteum di Salisburgo, l'Orchestra della Radio di Monaco di Baviera, la Mitteldeutsches Rundfunkorchester, l'Orchestra del Teatro La Fenice di Venezia, l’Orchestra Sinfonica “Giuseppe Verdi” di Milano, l’Orchestra Regionale Toscana, l’Orchestra Sinfonica Abruzzese, l’Orchestra dell’Arena di Verona, la Tonkünstlerorchester e la Radio Symphonieorchester di Vienna, l’Orchestra Filarmonica “G. Enescu” di Bucarest; ha diretto produzione liriche dell’Opéra du Rhin di Strasburgo, della Kammeroper di Vienna, del Teatro Nazionale Slovacco, del Rendano di Cosenza, del Verdi di Sassari, dell’Alighieri di Ravenna, della Stagione lirica di Teramo e Atri, dell’ASLICO, del Giglio di Lucca, del Marrucino di Chieti. Insegna direzione d'orchestra al Conservatorio dell'Aquila. Nel 2006 ha realizzato per il pianista Roberto Prosseda la ricostruzione del Terzo Concerto per pianoforte e orchestra di Mendelssohn, registrato da Riccardo Chailly con l’Orchestra del Gewandhaus di Lipsia per la Decca ed eseguito oltre 100 volte nelle principali stagioni concertistiche di Europa, USA, Canada, Sud-America, Giappone. Si è formato sotto la guida di Nicola Samale all’Aquila e Bruno Aprea a Roma, e si è perfezionato alla Chigiana di Siena con Ilya Musin, Valeri Gergev, Myung-whun Chung.

10 Ottobre 2016

Carlo Grante, pianista

Written by

Il pianista aquilano Carlo Grante ha dedicato molta parte della sua ricerca musicale a Ferruccio Busoni, di cui esegue da tempo, nelle sedi più prestigiose, l’opera per pianoforte solo e per pianoforte e orchestra. Il monumentale Concerto op. 39, della durata di oltre un’ora,  è stato da lui eseguito, sotto la direzione di Fabio Luisi, a Roma, nella Sala S. Cecilia del Parco della Musica, con l’Orchestra Nazionale dell’Accademia di S. Cecilia, a Vienna, nella sala del Musikverein nella stagione dei Wiener Symphoniker, a Lipsia, nella sala del Gewandhaus, con la Mitteldeutsches Rundfunk Orchester.

Carlo Grante è uno dei più attivi e apprezzati pianisti della discografia contemporanea e nome noto alla critica internazionale; la sua vasta discografia, che conta attualmente più di cinquanta titoli, spazia da Domenico Scarlatti, di cui sta realizzando a Vienna la registrazione integrale delle Sonate (un progetto nato sotto il patrocinio di Boesendorfer e Badura-Skoda), Giovanni Benedetto Platti, MuzioClementi, a Liszt e Schumann, fino a protagonisti del Novecento storico come Godowski e Busoni.  Le sue recenti produzioni discografiche includono opere di Vlad (Opus Triplex) e Finnissy (Bachsche Nachdichtungen) a lui dedicate e ispirate a Bach e Busoni, i due concerti per pianoforte e orchestra di Franz Schmidt con l’Orchestra della Radio di Lipsia (MDR Leipzig) diretta da Fabio Luisi, tre Concerti per pianoforte e orchestra di Mozart con l’Orchestra dell’Accademia di Santa Cecilia di Roma diretta da B. Sieberer, le tre Sonate di Schumann (registrate nella sala Santa Cecilia del Parco della Musica diRoma), il Concerto di Busoni registrato dal vivo a Vienna con i Wiener Symphoniker diretti da Fabio Luisi, il Concerto K. 271 di Mozart registrato dal vivo a Vienna il 21 Giugno 2013 (per la Festa della Musica) con Concertino Wien, oltre a opere di Godowsky, Rachmaninoff, Flynn, Bloch, Schubert, Liszt, Busoni, Ravel. Nella nuova seria di DVD che Grante ha realizzato per HH Promotions London figurano gli Scherzi e le Ballate di Chopin, I Quadri di un’esposizione di Mussorgsky, Images ed Estampes di Debussy, varie sonate di Scarlatti, i 24 Preludi di Chopin, le Elegie di Busoni, Gaspard de la nuit e Rapsodia spagnola di Ravel e opere di Novak e Janacek.

L’attività concertistica, che presenta uno dei più vasti repertori pianistici contemporanei, lo ha portato ad esibirsi in importanti istituzioni concertistiche e sale di prestigio in Italia e all'estero: Lincoln Center di New York, Wigmore e Barbican Hall di Londra, Philharmonie di Berlino, Gewandhaus di Lipsia, Semperoper di Dresda, Musikverein e Konzerthaus di Vienna, Stuttgart Oper, Sala S. Cecilia di Roma, Rudolfinum di Praga, Opera di Zurigo, Brucknerhaus di Linz, Musashino Hall di Tokyo, a Chicago, Hong Kong, Singapore, Hanoi, Zagabria, Bucarest, Lima, Rio de Janeiro, ai Festival di Vienna, Istanbul, Husum, Newport, "Neuhaus" di Saratov, Miami, Tallin, Ravello, MDR Musiksommer, etc. con importanti orchestre, quali Staatskapelle Dresden, Royal Philharmonic di Londra, Wiener Symphoniker, Orchestra dell’Accademia di S.Cecilia, Opera di Zurigo, Pomeriggi Musicali di Milano, Orchestra della Radio-TV di Zagabria, Orchestra della Radio di Lipsia (MDR), Opera di Stoccarda, Cappella Istropolitana di Bratislava, Chamber Orchestra of Europe, ecc. La sua recente e ammiratissima serie di concerti, “Masters of High Romanticism”, ha presentato le 4 Ballate e 4 Scherzi di Chopin, le 3 Sonate di Schumann e le Variazioni di Brahms in tre programmi da recital alla Alice Tully Hall di New York, Kammermusiksaal di Berlino e la Brahms-Saal del Musikverein di Vienna.

Nato all'Aquila, Grante si è diplomato in pianoforte con Sergio Perticaroli al Conservatorio S. Cecilia di Roma, città in cui ha studiato composizione con Claudio Perugini; si è laureato all'Università di Miami sotto la guida di Ivan Davis e ha seguito i corsi master - post laurea di Rudolf Firkusny alla Juilliard School di New York; in seguito si è trasferito a Londra, dove ha studiato con Alice Kezeradze-Pogorelich e a Vienna, dove si è perfezionato con Paul Badura-Skoda. Alle sue molteplici attività musicali si aggiungono quelle di studioso della letteratura pianistica e della metodologia applicata ("Criteri primari di metodologia pianistica",Rugginenti, 2012) e di traduttore di importanti testi musicologici.

 

01 Ottobre 2016

Dati personali e cookies

Written by
Informativa sul trattamento dei dati personali e sull’utilizzo dei cookie
1. – Trattamenti eseguiti sul il dominio sinfonicaabruzzese.it
2. – Titolare del trattamento
a – Localizzazione del sito web
b - Assenza di registrazione preventiva dell’utente che accede
c – Utilizzo di cookie
d – Invio di messaggi di posta elettronica
3. – Trattamenti relativi alla posta elettronica
a – Finalità e durata della conservazione
b – Elencazione
c – Ambito di comunicazione e diffusione
d – Non necessità della prestazione preventiva del consenso
e – Misure di sicurezza e responsabile esterno
4 – Esercizio dei diritti di accesso e oppsosizione al trattamento
a – Diritti dell’interessato
b – Diritto di opposizione
c – Procedura per l’esercizio del diritto di accesso
 
 
Informativa sul trattamento dei dati personali e sull’utilizzo dei cookie
 
1 – Titolare del trattamento
Il Titolare del trattamento è l’Istituzione Sinfonica Abruzzese 
 
2 – Trattamenti eseguiti sul il dominio sinfonicaabruzzese.it
a – Localizzazione del sito web
Il sito web pubblicato sul dominio sinfonicaabruzzese.it è pubblicato su risorse di rete localizzate nell’Unione Europea, sotto il controllo di OVH S.r.l. e gestito da T.D. Rynx con sede in L’Aquila.
b - Assenza di registrazione preventiva dell’utente che accede
Il sito web pubblicato sul dominio “sinfonicaabruzzese.it” è fruibile senza registrazione preventiva. Questo significa che l’utente accede in modalità del tutto anonima perché il Titolare del trattamento non ha modo di associare il numero IP della connessione a una identità personale. Pertanto, a norma della giurisprudenza della Corte di giustizia UE non è eseguito alcun trattamento di dati personali.
c – Utilizzo di cookie
Fermo restando quanto dichiarato nel precedente comma, il sito web pubblicato sul dominio sinfonicaabruzzese.it utilizza i seguenti cookie:
Cookie di sessione
Nome Dominio Path Valore
_gat .sinfonicaabruzzese.it / 1
ad70f30ad1ad0b4151d9c815fdc7af09 .sinfonicaabruzzese.it / l7klp9ga52futpl5mlrd2hn8o5
Cookie permanenti
Nome Dominio Path Scadenza in giorni Valore
_gid .sinfonicaabruzzese.it / 1 GA1.2.2129464741.1614836430
_ga .sinfonicaabruzzese.it / 730 GA1.2.109315900.1614836430
fr .facebook.com / 90 0bKksrFhK8GqQdJuU..BgQHLN...1.0.BgQHLN.

È possibile verificare i cookie presenti sulle singole pagine utilizzando servizi come https://www.cookiemetrix.com/

I cookie permanenti _gid e _ga servono per la generazione di statistiche di accesso tramite Google Analytics. La cookie policy di Google è disponibile a questo indirizzo 
Il cookie fr è usato da Facebook per somministrare, misurare e migliorare la pubblicità in un periodo di 90 giorni. La cookie policy di Facebook è disponibile a questo indirizzo.
N.B.: i cookie di Google e di Facebook NON FORNISCONO al Titolare del trattamento alcuna informazione utile all’identificazione fisica dell’utente che si sta collegando al sito pubblicato sul dominio sinfonicaabruzzese.it. Tuttavia, non è possibile escludere che Google e Facebook, utilizzando ulteriori informazioni in loro possesso, riescano autonomamente a raccogliere dati personali sull’utente. Per avere conferma di questa eventualità è necessario rivolgersi direttamente alle due piattaforme.
d – Invio di messaggi di posta elettronica
Il sito pubblicato sul dominio sinfonicaabruzzese.it non utilizza form o altri moduli di contatto. Le comunicazioni tramite posta elettronica sono possibili esclusivamente tramite invio diretto agli indirizzi disponibili alla pagina Contatti ai quali possono essere inviate richieste esclusivamente relative alle attività istituzionali dell’ente. Qualsiasi altro trattamento (inclusi, ma non solo, l’invio di messaggi promozionali estranei all’attività istituzionale dell’ente e la ripubblicazione delle informazioni di contatto) è espressamente vietato.
Il server che riceve la posta è localizzato in Francia, e risponde al dominio http://mail11.7rays.org/.
 
3 – Trattamenti relativi alla posta elettronica
a – Finalità e durata della conservazione
I soli trattamenti di dati personali (peraltro, non eseguiti tramite il sito pubblicato sul dominio sinfonicaabruzzese.it) riguardano la posta elettronica. La posta elettronica è utilizzata nell’esclusivo ambito delle finalità istituzionali dell’ente e viene conservata per la durata prevista dalla legge in relazione a:
-          riscontro delle richieste dell’interessato,
-          obblighi di rendicontazione normativamente previsti,
-          esercizio del diritto di difesa del Titolare in sede civile, penale, amministrativa e stragiudiziale
Una volta non più obbligatoria la conservazione, i dati personali vengono cancellati.
b – Elencazione
La gestione della posta elettronica implica i seguenti trattamenti:
-          conservazione,
-          comunicazione,
-          cancellazione,
c – Ambito di comunicazione e diffusione
I dati personali non sono oggetto di diffusione.
Oltre che all’interessato, possono essere comunicati, nei limiti delle finalità dichiarate, a soggetti aventi titolo per riceverli quali enti e autorità pubbliche richiedenti accesso nell’esercizio delle loro attribuzioni, periti, consulenti e legali.
d – Non necessità della prestazione preventiva del consenso
Le finalità del trattamento, nonché – per gli invii – il fatto che la comunicazione è iniziata dall’interessato, non richiedono il preventivo consenso dell’interessato.
e – Misure di sicurezza e responsabile esterno
Il fornitore dei servizi di posta elettronica è stato designato come responsabile esterno ai sensi dell’art. 28 del Reg. UE 679/16 e ha garantito, anche per suoi eventuali sub-responsabili, il pieno rispetto degli articoli 25, 32 e 35 del predetto regolamento in relazione ad accessi abusivi, perdita di disponibilità, perdita di confidenzialità.
 
4 – Esercizio dei diritti di accesso e oppsosizione al trattamento
a – Diritti dell’interessato
Ai fini dell'esercizio del diritto di informazione e accesso ai dati personali previsto in particolare dall'art. 15 del Reg. UE 679/16, l'interessato ha il diritto di conoscere:
a) le finalità del trattamento;
b) le categorie di dati personali oggetto di trattamento;
c) i destinatari o le categorie di destinatari a cui i dati personali sono stati o saranno comunicati, in particolare se destinatari di paesi terzi o organizzazioni internazionali;
d) quando possibile, il periodo di conservazione dei dati personali previsto oppure, se non è possibile, i criteri utilizzati per determinare tale periodo;
e) l'esistenza del diritto dell'interessato di chiedere la rettifica o la cancellazione dei dati personali o la limitazione del trattamento dei dati personali che lo riguardano;
f) il diritto di proporre reclamo ad un'autorità di controllo;
g) qualora i dati non siano raccolti presso l'interessato, tutte le informazioni disponibili sulla loro origine;
h) l'esistenza di un processo decisionale automatizzato, compresa la profilazione di cui all'articolo 22, paragrafi 1 e 4, e, almeno in tali casi, informazioni significative sulla logica utilizzata, nonché l'importanza e le conseguenze previste di tale trattamento per l'interessato;
i) il diritto alla portabilità dei dati.
Ai fini di cui all'art. 22 l'interessato è informato che il Titolare del trattamento non ha in essere procedimenti decisionali totalmente automatizzati e che è sempre previsto l'intervento di un operatore umano.
b – Diritto di opposizione
Ai sensi dell'art. 21 del Reg. UE 679/16 l'interessato ha, inoltre, il diritto di opporsi in qualsiasi momento, per motivi connessi alla sua situazione particolare (comma 1) e per finalità di marketing diretto (comma 2), al trattamento dei dati personali che lo riguardano ai sensi dell'articolo 6, paragrafo 1, lettere e) o f), compresa la profilazione.
c – Procedura per l’esercizio del diritto di accesso
Il diritto di accesso è esercitabile gratuitamente contattando il Titolare ai recapiti indicati in questa pagina.
La richiesta dovrà essere formulata per iscritto allegando copia di un documento di identità non scaduto e – se inviata elettronicamente – firmata digitalmente e inviata via PEC. Inoltre, dovrà indicare chi e dove ha titolo per ricevere la risposta.
Il Titolare risponderà alla richiesta entro trenta giorni (salva necessità di ulteriore tempo, che verrà comunicata all’interessato).
Se l’interessato ritiene che la risposta non sia soddisfacente, ha sempre titolo per rivolgersi all’autorità giudiziaria ordinaria o all’Autorità garante per la protezione dei dati personali.
Pagina 14 di 14