Pagine semplici

23 Ottobre 2017

Alessandro Carbonare

Written by
ALESSANDRO CARBONARE
 
Primo clarinetto dell’Orchestra dell’Accademia Nazionale di S.Cecilia dal 2003, Alessandro Carbonare ha vissuto a Parigi, dove per 15 anni ha occupato il posto di primo clarinetto solista all’Orchestre National de France. Sempre nel ruolo di primo clarinetto, ha avuto importanti collaborazioni anche con i Berliner Philarmoniker, la Chicago Symphony e la Filarmonica di New York. Si é imposto nei più importanti concorsi internazionali: Ginevra, Praga, Tolone, Monaco di Baviera e Parigi. Dal suo debutto con l’Orchestra della Suisse Romande di Ginevra, Alessandro Carbonare si é esibito come solista, tra le altre, con l’Orchestra Nazionale di Spagna, la Filarmonica di Oslo, l'Orchestra della Radio Bavarese di Monaco, l’Orchestre National de France, la Wien Sinfonietta, l’Orchestra della Radio di Berlino, la Tokyo Metropolitan Orchestra e con tutte le più importanti orchestre italiane. Ha registrato gran parte del repertorio per Harmonia Mundi e JVC Victor dando anche grande impulso alla nuova musica per clarinetto, commissionando nuovi concerti a Ivan Fedele, Salvatore Sciarrino, Luis De Pablo e Claude Bolling.
 
Appassionato cultore della musica da camera, è da sempre membro del Quintetto Bibiena e collabora regolarmente con eminenti artisti ed amici come Mario Brunello, Marco Rizzi, Pinkas Zukerman, Alexander Lonquich, Emmanuel Pahud, Andrea Lucchesini, Wolfram Christ, Il Trio di Parma, Enrico Dindo, Massimo Quarta, Luis Sclavis, Paquito De Riveira e molti altri.
Da sempre attratto non solo dalla musica “classica”, si escibisce anche in programmi jazz e Klezmer. Importanti le collaborazioni con con Paquito De Riveira, Enrico Pieranunzi e Stefano Bollani.
«Guest Professor» in alcuni tra i più importanti Conservatori di tutto il mondo (tra cui Royal College di Londra, Juillard School di New York, Conservatorio Superiore di Parigi, School of Arts di Tokyo) ha fatto parte delle giurie di tutti i più importanti concorsi internazionali per il suo strumento (Ginevra, Monaco di Baviera, Praga, Pechino, il «K.Nielsen» in Danimarca ed il «B.Crusell» in Finlandia) .
Su personale invito di Claudio Abbado, Alessandro Carbonare ha accettato il ruolo di primo clarinetto nell’Orchestra del Festival di Lucerna e nell’Orchestra Mozart con la quale, sempre sotto la direzione del M° Abbado, ha registrato per Deutsche Grammophon il concerto K 622 al clarinetto di bassetto, lavoro che ha vinto il 49° Record Academy Awards 2013.

Il suo impegno sociale lo vede presente a sostenere progetti che possano contribuire al miglioramento della società attraverso l’educazione musicale: ha assistito Claudio Abbado nel progetto sociale dell’Orchestra Simon Bolivar e delle orchestre infantili del Venezuela. Grande successo ha ottenuto il cd per Decca "The Art of the Clarinet", mentre il canale satellitare SKY-CLASSICA gli ha dedicato un ritratto per la serie «I Notevoli». E' professore di clarinetto all'Accademia Chigiana di Siena.
23 Ottobre 2017

Marco Tezza

Written by
PIANISTA E DIRETTORE D'ORCHESTRA
 
 
Forte della migliore preparazione accademica (massimo dei voti, lode e menzione d’onore in Italia, Accademia Pianistica di Imola e “Diplome Superieur d’Execution” in pianoforte all’Ecole Normale “A. Cortot” di Parigi) e premiato presso i più importanti concorsi pianistici (Washington, Pretoria, Busoni, Viotti) Tezza affronta un’intensa attività concertistica che lo porta a suonare in alcune delle più prestigiose sale da concerto del mondo e a collaborare con musicisti quali Ashkenazy, Ughi, Brunello, Carmignola, Hogwood. Dopo aver terminato anche gli studi violinistici e di direzione d’orchestra si impegna in una nuova carriera che lo vede a capo di formazioni di assoluto rilievo in Europa, Asia, America, spesso nel duplice ruolo di direttore e solista.

Come direttore Tezza ha proposto un repertorio vastissimo, dal barocco al contemporaneo passando per la lirica (Boheme, Vascello Fantasma, Maria de Buenos Aires), prestando particolare attenzione alla musica di Astor Piazzolla e a quella attuale. E’ conosciuto dal pubblico e dalla critica come un interprete dalla forte personalità instancabile nello scavo della partitura volto a ricercare nuove chiavi di lettura sempre sorrette da nuove logiche espressive. Invitato personalmente all’Université de S.Esprit di Beirut (presso la quale gli è affidata anche una cattedra di “Professeur invité”), al Conservatorio e alla NBU di Sofia, al Victorian College of the Arts di Melbourne, alla University of Waikato (Nuova Zelanda), alla Gumi Festival Academy (South-Korea), alla University of South Florida, Kansas State University, Pittsburg State University, University of Kentucky, Emporia State University, Southern Oregon University, all’UNEAC de L’Avana, Università di São Paulo, Jazeps Vitols Latvian Academy di Riga, Estonian Academy of Music e al DIT Dublin Conservatory of Music vi tiene Master Classes e una serie di concerti trasmessi in diretta radiotelevisiva.

E’ direttore principale ed artistico della Stravinskij Chamber Orchestra e dirige stagioni concertistiche e festivals musicali in Europa e in Sud America. Ha inciso per Velut Luna, AS, Balkanton, Klingsor e On Classical. E’ spesso invitato a far parte delle giurie di concorsi internazionali. E’ inoltre membro d’onore dell’Accademia Veneta di Arti e Scienze e titolare di una cattedra di pianoforte presso il Conservatorio Pedrollo di Vicenza.
 
07 Ottobre 2017

Sergio La Stella

Written by

Alessandro Guerzoni (Basso)
Compie gli studi all'Accademia Nazionale di Santa Cecilia in Roma, dove si diploma in pianoforte e direzione d’orchestra. Segue i corsi di perfezionamento di Leonard Bernsteinall'Accademia di S.Cecilia e di G. Rozdentvensky all'Accademia Chigiana di Siena. Debutta come direttore d'orchestra nel 94’ al Teatro all’ Opera di Roma con la Manon Lescaut di G.Puccini e con La Traviata e Aida di G.Verdi a San Pietroburgo.
Pianista e assistente musicale dei più’ grandi direttori d’orchestra del nostro tempo: G. Sinopoli, Riccardo Muti, B. Bartoletti, G. Gelmetti, Carlo Maria Giulini, A. Lombard, Zubin Mehta, D. Oren, Gergev, Georges Prêtre, Nello Santi con un repertorio vastissimo è inoltre stato l'esecutore al cembalo delle opere Mozartiane e Rossiniane al Teatro dell’Opera di Roma negli ultimi anni.Ha diretto opere e concerti a Genova, al San Carlo di Napoli, dell'Opera di Roma, a Milano e al Santa Cecilia in Roma, con l’orchestra Toscanini a Parma, l'orchestra del Teatro Marinslky di San Petersburg invitato dal M° Gergev con un repertorio delle più’ famose opere Italiane, Rigoletto, Traviata, Aida, Madama Butterfly, Cavalleria rusticana e Pagliacci, Don Pasquale, Lucia di Lammermoor, Il Barbiere di Siviglia, La Cenerentola' di Rossini a Londra, Turandot alla National Concert Hall a Dublino, Maria Stuarda e Manon Lescaut alla Royal Swedish Opera a Stoccolma.Accompagna al pianoforte e dirige in tourné K. Ricciarelli e R. Raimondi a Ginevra, Lucerna, Berna, Basel, Zurich. Recita e suona come pianista in scena in 'Fedora' con Placido Domingo, con il quale collabora nella Tosca del centenario a Roma. Ha collaborato con il maestro G. Gelmetti per Iris di P. Mascagni e per La rondine di G. Puccini con i Münchner Philharmoniker e lo ha affiancato come docente nel corso di direzione d'orchestra presso l'Accademia Chigiana di Siena e al Teatro dell'Opera di Roma.
Ha diretto per le celebrazioni del 60’ anniversario dell'UNESCO l’'Orchestra della RAI di Roma con monografie di Goffredo Petrassi nella capitale. Partecipa al Festival Severino Gazzellonie alla rassegna nella villa 'La Colombaia' per ricordare la figura e l'opera di Luchino Visconti. Suona in diretta televisiva per RAI al concerto nel nome del cuore da Assisi. Per i 150 anni dell'Unità d'Italia è protagonista di un Gala all'Acropolium di Carthage per il Teatro dell'Opera di Roma. A Roma partecipa al 'Concerto per il Solstizio d'Estate' in Campidoglio alla presenza del Presidente della Repubblica . Vasto il suo repertorio nella musica sacra, il Messiah di Haendel, il Requiem di Fauré, la Krönungsmesse e la Missa brevis di Mozart, il 'Gloria ' di Vivaldi lo’Stabat Mater' di Pergolesi e quello di Boccherini, il "Requiem" di Mozart nel Duomo di Reggio Calabria per Nicola Calipari. Dal 2008 cura la kermesse "Toccata & Fuga" che si svolge a Roma con le più belle romanze italianee con l'ensemble Toccata & Fuga compie un tour a New York, Tokyo, Shangai, Buenos Aires e Istanbul, nell'arco di cinque anni di attività incontra più di un milione di spettatori. Tiene masterclasses a Seoul ed è il maestro e direttore d’orchestra per la trasmissione Rai Domenica In diretta da Pippo Baudo. Ospite di numerose trasmissioni televisive sulla lirica e la musica da film con l'Orchestra di Verona, l'Orchestra del Lazio e la G. Verdi di Milano, è il pianista del film 'To Rome with love' di Woody Allen. Dall'amicizia con il compositore e direttore Peppe Vessicchio tiene lezioni-concerto con l’ensemble 'Sesto Armonico' dal titolo “Il belcanto del Belpaese”. Nel 2010 nel Duomo di Milano dirige la prima mondiale di Every Man, morality play composto da Maurizio Fabrizio(l’autore di Almeno tu nell’universo), con testi di W. Tortoreto con il coro del Duomo di Milano e l’Orchestra Toscanini di Parma. Nel 13’, per il Teatro Massimo di Palermo crea il Balletto “Verdiana”, con musiche di G. Verdi. Ha diretto anche i balletti con Carla Fracci a Roma ’Don Quichotte', 'Giselle', 'Lo schiaccianoci', Georg Trakl e 'L'après-midi d'un faune'. E' stato direttore d'orchestra dei concorsi internazionali dedicati a ”Martinelli e Pertile” e "Mario Lanza". Molto attento alla filologia, ha partecipato a numerose conferenze-concerto al fianco di Bruno Cagli e P. Gossett sulle prassi esecutive Rossiniane, Donizettiane e Verdiane. Ha scritto un saggio dal titolo "Aspetti Musicali, estetici e filosofici della Tetralogia di Wagner" pubblicato in "Sentieri della Mente" da Bollati Boringhieri. Ha inciso per BONGIOVANNI il CD 'The cello virtuoso' con A. Noferini; Per BMG ARIOLA '900 Musica Classica Contemporanea con brani di F. Emilio Scogna; Con RCA BMG 'La tromba' e 'Una tromba in scena' con M. Maur; Per la Warner Music 'Recital' con G. Terranova. E’recentemente uscito il DVD di 'Toccata e Fuga', ripresa live in concerti a Roma.

07 Ottobre 2017

Alessandro Guerzoni

Written by

Nato a Pescara in Abruzzo si e’diplomato in canto con il massimo dei voti al conservatorio G.Verdi di Torino con E.Battaglia e ha seguito corsi di perfezionamento all’Accademia Pescarese con L.Gallo e al Mozarteum di Salisburgo, e a Milano con B. Giaiotti.
Vincitore di concorsi internazionali tra cui il Luciano PavarottiInternational, ha debuttato come protagonista nell’ Ercole Amante di F.Cavalli al Ravenna Festival 96’.
Basso Italiano, ha calcato i palcoscenici di tutto il mondo con un repertorio che spazia da ruoli come Timur in Turandot di G.Puccini diretto da Zubin Mehta al Maggio Musicale a Firenze e in altre produzioni a Bologna, al Festival Pucciniano con la regia di A. Signorini diretto da Veronesi, a Genova regia di G.Montaldo , al Festival Pucciniano regia di M.Scaparro , diretto da Mauceri regia di Espera a Bilbao, per l’inaugurazione del Petruzzelli a Bari regia di De Simone diretto da Palumbo.
Eccellente Colline ne’La Bohéme diretto da A. Pappano a Bruxelles e in altre produzioni al San Carlo di Napoli, al Festival Pucciniano regia di Scaparro, al Carlo Felice di Genova regia di Montaldo, a Torino, Padova, Lussemburgo, Glasgow, Edimburgo; e' stato Raimondo nella Lucia di Lammermoor di G.Donizetti al Regio di Torino regia di G.Vick diretto da Campanella , il Conte Rodolfo ne’ La Sonnambula a Torino, Giorgio ne’ I Puritani di Bellini diretto da Haider a Barcellona, Sarastro in Die Zauberfloete di Mozart a Koeln e Sassari diretto da M. Bufalini , il Commendatore nel Don Giovanni diretto da Claudio Abbado regia di Peter Brook ad Aix en Provence ripreso da Harding in tournée per il mondo a Milano, Lione, Stoccolma, Tokyo, e in altre produzioni diretto da Soudan regia di F. Zeffirelli a Roma, da K.Ono a Tokyo, con René Jacobs a Parigi, Innsbruck e Baden-Baden, inciso in CD e DVD per Harmonia Mundi a Berlino, tra i protagonisti del Il trionfo delle Belle al Rossini Opera festival con la Regia di Micheletto, Bartolo nelle Nozze di Figaro diretto da Domingo a Los Angeles, Mosé nel Mosé in Egitto di G.Rossini all’Opera di Roma, Don Basilio nel Barbiere di Siviglia a Cagliari, Don Prudenzio ne’ Il Viaggio a Reims alla Scala di Milano regia di L. Ronconi, Angelotti in Tosca diretto da Z.Mehta a Firenze e Tokyo, da D. Oren al Covent Garden di Londra, da Gelmetti regia di F. Zeffirelli a Roma, regia di De Ana diretto da Armiliato all' Arena di Verona regia di Pizzi a Caracalla in Roma, con il festival Pucciniano in Cina; Frére Laurent in Roméo et Juliette di Gounod al regio di Torino; Le Roi in L’amour des Trois Oranges di Prokofiev a Koeln; Crespel ne Les Contes d’Hoffmann regia di N. Joel al Regio di Torino; Plake in Sly di Wolf-Ferrari a Barcellona con Carreras inciso in CD; Rosenkavalier di Strauss alla Scala di Milano e a Barcellona; Reinmar nel Tannhauser di Wagner a Roma; Drago in Genoveva di Schumann diretto da Ferro regia di Abbado a Palermo; Creonte in Œdipus Rex di Stravinskij all’Opera di Roma regia di Squarzina. Nel repertorio Verdiano con ruoli come Sparafucile nel Rigoletto a Vienna al Regio di Parma e in altre produzioni ad Edimburgo, Glasgow, Torino, Sassari, Koeln; Banco nel Macbeth regia di Loy a Barcellona, il Re in Aida diretto da A.Lombarda a Caracalla in Roma; Sam in Un Ballo in Maschera diretto da Frizza regia di Pizzi all’Arena di Verona e a Cagliari; Calatrava nella Forza... diretto da K.Ono a Bruxelles; Sacerdote nel Nabucco all’Arena di Verona diretto da Frizza regia di De Bosio e diretto da Oren a Barcellona, Pistola nel Falstaff alla Scala di Milano e a Tokyo regia di Carsen diretta da Harding.
Ha cantato nella Messa di Gloria di Puccini diretto da Pappano a Bruxelles, lo Stabat Mater di Rossini a Bari, il Requiem di Mozart diretto da A. Pappano a Bruxelles e in altre occasioni a Siena diretto da Gelmetti registrato in CD , a Perugia con Frans Brüggen, a Verona con Scimone, a Bolzano diretto da Garbarino, a Roma al S.Cecilia con Myung-Whun Chung, e ha partecipato a Liederabend dedicati a Schubert, Schumann, Tchaikovsky, Beethoven a Torino, Perugia, Ferrara e Salisburgo.

Alessandro Guerzoni (Basso)
Nato a Pescara in Abruzzo si e’diplomato in canto con il massimo dei voti al conservatorio G.Verdi di Torino con E.Battaglia e ha seguito corsi di perfezionamento all’Accademia Pescarese con L.Gallo e al Mozarteum di Salisburgo, e a Milano con B. Giaiotti.
Vincitore di concorsi internazionali tra cui il Luciano PavarottiInternational, ha debuttato come protagonista nell’ Ercole Amante di F.Cavalli al Ravenna Festival 96’.
Basso Italiano, ha calcato i palcoscenici di tutto il mondo con un repertorio che spazia da ruoli come Timur in Turandot di G.Puccini diretto da Zubin Mehta al Maggio Musicale a Firenze e in altre produzioni a Bologna, al Festival Pucciniano con la regia di A. Signorini diretto da Veronesi, a Genova regia di G.Montaldo , al Festival Pucciniano regia di M.Scaparro , diretto da Mauceri regia di Espera a Bilbao, per l’inaugurazione del Petruzzelli a Bari regia di De Simone diretto da Palumbo.
Eccellente Colline ne’La Bohéme diretto da A. Pappano a Bruxelles e in altre produzioni al San Carlo di Napoli, al Festival Pucciniano regia di Scaparro, al Carlo Felice di Genova regia di Montaldo, a Torino, Padova, Lussemburgo, Glasgow, Edimburgo; e' stato Raimondo nella Lucia di Lammermoor di G.Donizetti al Regio di Torino regia di G.Vick diretto da Campanella , il Conte Rodolfo ne’ La Sonnambula a Torino, Giorgio ne’ I Puritani di Bellini diretto da Haider a Barcellona, Sarastro in Die Zauberfloete di Mozart a Koeln e Sassari diretto da M. Bufalini , il Commendatore nel Don Giovanni diretto da Claudio Abbado regia di Peter Brook ad Aix en Provence ripreso da Harding in tournée per il mondo a Milano, Lione, Stoccolma, Tokyo, e in altre produzioni diretto da Soudan regia di F. Zeffirelli a Roma, da K.Ono a Tokyo, con René Jacobs a Parigi, Innsbruck e Baden-Baden, inciso in CD e DVD per Harmonia Mundi a Berlino, tra i protagonisti del Il trionfo delle Belle al Rossini Opera festival con la Regia di Micheletto, Bartolo nelle Nozze di Figaro diretto da Domingo a Los Angeles, Mosé nel Mosé in Egitto di G.Rossini all’Opera di Roma, Don Basilio nel Barbiere di Siviglia a Cagliari, Don Prudenzio ne’ Il Viaggio a Reims alla Scala di Milano regia di L. Ronconi, Angelotti in Tosca diretto da Z.Mehta a Firenze e Tokyo, da D. Oren al Covent Garden di Londra, da Gelmetti regia di F. Zeffirelli a Roma, regia di De Ana diretto da Armiliato all' Arena di Verona regia di Pizzi a Caracalla in Roma, con il festival Pucciniano in Cina; Frére Laurent in Roméo et Juliette di Gounod al regio di Torino; Le Roi in L’amour des Trois Oranges di Prokofiev a Koeln; Crespel ne Les Contes d’Hoffmann regia di N. Joel al Regio di Torino; Plake in Sly di Wolf-Ferrari a Barcellona con Carreras inciso in CD; Rosenkavalier di Strauss alla Scala di Milano e a Barcellona; Reinmar nel Tannhauser di Wagner a Roma; Drago in Genoveva di Schumann diretto da Ferro regia di Abbado a Palermo; Creonte in Œdipus Rex di Stravinskij all’Opera di Roma regia di Squarzina. Nel repertorio Verdiano con ruoli come Sparafucile nel Rigoletto a Vienna al Regio di Parma e in altre produzioni ad Edimburgo, Glasgow, Torino, Sassari, Koeln; Banco nel Macbeth regia di Loy a Barcellona, il Re in Aida diretto da A.Lombarda a Caracalla in Roma; Sam in Un Ballo in Maschera diretto da Frizza regia di Pizzi all’Arena di Verona e a Cagliari; Calatrava nella Forza... diretto da K.Ono a Bruxelles; Sacerdote nel Nabucco all’Arena di Verona diretto da Frizza regia di De Bosio e diretto da Oren a Barcellona, Pistola nel Falstaff alla Scala di Milano e a Tokyo regia di Carsen diretta da Harding.
Ha cantato nella Messa di Gloria di Puccini diretto da Pappano a Bruxelles, lo Stabat Mater di Rossini a Bari, il Requiem di Mozart diretto da A. Pappano a Bruxelles e in altre occasioni a Siena diretto da Gelmetti registrato in CD , a Perugia con Frans Brüggen, a Verona con Scimone, a Bolzano diretto da Garbarino, a Roma al S.Cecilia con Myung-Whun Chung, e ha partecipato a Liederabend dedicati a Schubert, Schumann, Tchaikovsky, Beethoven a Torino, Perugia, Ferrara e Salisburgo.

07 Ottobre 2017

Martina Serafin

Written by

Nata a Vienna, da genitori anch’essi cantanti lirici, il soprano Martina Serafin ha frequentato il Conservatorio di Vienna con H. Zadek e Otto Edelman.

Debutta giovanissima come protagonista in Wiener Blut di F.Lehar , mentre nell' opera Mimi’ ne’ La Bohéme nel ruolo di Mimi di G.Puccini e nella trilogia Mozartiana, come Fiordiligi, Donna Elvira e La Contessa a Graz.

 All’eta’di 28 anni canta la sua prima Elsa nel Lohengrin di R. Wagner diretta da S.Soltesz a Stuttgart e nello stesso anno Marschallin in Der Rosenkavalier di R.Strauss, Sieglinde in Die Walküre di R.Wagner diretta da L.Zagrosek . 

Oggi e’protagonista nei più’ importanti teatri del mondo con un repertorio che spazia da G.Puccini a R. Strauss, da G.Verdi a R.Wagner. 

Grande interprete del ruolo di Floria Tosca di Puccini  che canta all’Opera di Roma con la regia di F. Zeffirelli diretta da G.Gelmetti, e in altre produzioni a Firenze diretta da Zubin Mehta, al Covent Garden di Londra diretta da A.Pappano,  all' Arena di Verona diretta da M. Armiliato con la regia di De Ana, alla Scala di Milano con N. Luisotti, a Caracalla in Roma regia di Pizzi diretta da Palumbo, a Parigi regia di Audi diretta da D. Oren a Vienna regia di Otto Schenk diretta da Armigliato e Carignani, a Berlino, Barcellona, Melbourne, Beijing, Montecarlo per i reali e al Teatro Greco di Taormina incisa in DVD con Bruson e Giordani.

 Tanti i ruoli da citare: Manon Lescaut di Puccini alla Fenice di Venezia regia di G. Vick diretta da Palumbo, ad Amburgo e al Festival Pucciniano; Maddalena nell’ Andrea Chénier a Zurigo diretta da Nello Santi, a Vienna diretta da Armigliato, a Catania e a Cagliari con la ragia di Del Monaco; Turandot diretta da Riccardo Chailly con l’Orchestra della Scala  al Festival Pucciniano e a Roma a Santa Cecilia, all’Arena di Verona regia di F.Zeffirelli diretta da D.Oren e ad Oman diretta da Placido Domingo, al Festival Puccini con la regia di Alfonso Signorini diretta da Veronesi a Bari per l’inaugurazione del Petruzzelli regia di De Simone, al Festival Pucciniano regia di Scaparro, a Genova regia di Montaldo, a Zurigo regia di Del Monaco, a Bilbao diretta da Mauceri regia di Espert.

 Da ricordare, Donna Elvira nel Don Giovanni diretta da Seiji Ozawa regia di F. Zeffirelli alla Wiener Staatsoper, la Contessa ne Le Nozze di Figaro diretta da Placido Domingo a Los Angeles e Fiordiligi nel Così Fan Tutte a Stuttgart diretta da Zagrosek.

 Nel 13’ canta nel Requiem di Verdi diretta dal G. Gelmetti a Montecarlo e nei ruoli Verdini di Elisabetta nel Don Carlo diretta dal Luisi al Teatro alla Scala di Milano e Abigaille nel Nabucco ad Orange diretta da Steinberg regia di Scarpitta, a Barcellona diretta da Oren regia di Abbado e all’Arena di Verona diretta da Frizza regia di De Bosio; Lady Macbeth di G.Verdi a Barcellona e a Vienna. 

E' tra i migliori soprani nel mondo tra le wagneriane come Sieglinde in Die Walküre al Metropolitan di New York diretta da F. Luisi, alla Wiener Staatsoper diretta da S. Rattle e in un’altra produzione da Welser-Moest , a Zurigo e Parigi diretta da P. Jordan, a  Berlino, Amsterdam, Touluse, Bregenz, Barcellona e Tokyo; Elsa nel Lohengrin a Parigi diretta da Jordan , a Palermo regia di Hugo De Ana, a Dresda, Stuttgart e a Bologna diretta da D.Gatti; Elisabeth nel Tannhäuser all’Opera di Roma con la regia di Carsen e ad Amsterdam con la regia di Lehnoff; Isolde nel Tristan und Isolde con l’orchestra del San Carlo di Napoli a Ravello. Eccellente Marschallin nel Der Rosenkavalier di Richard Strauss al Metropolitan di New York, alla Wiener Staatsoper e a San Francisco con la direzione di Runnicles, a Toulouse regia di Joel, Barcellona, Stoccarda, Monaco di Baviera ed Amsterdam. 

E’ stata protagonista della Genoveva di R. Schumann a Palermo, Marie in Wozzeck ad Essen, Lisa nella Pikovaja Dama di Tchaikovsky a Vienna diretta da Seiji Ozawa, a Barcellona diretta da Petrenko e a Bologna diretta da Jurowski, La sposa venduta di Smetana a Zurigo e a Bologna diretta da Jurovski. 

Si e’ esibita nelle sale da concerto di tutto il mondo in liderabende , Wesendonck Lieder di Wagner, nei Vier Letzte Lieder di R.Strauss diretta da Zubin Mehta con i Wiener Philharmoniker alla Musikverein di Vienna.

 

Martina Serafin (Soprano)

Nata a Vienna, da genitori anch’essi cantanti lirici ha frequentato il Conservatorio di Vienna con H. Zadek e Otto Edelman.

Debutta giovanissima come protagonista in Wiener Blut di F.Lehar , mentre nell' opera Mimi’ ne’ La Bohéme nel ruolo di Mimi di G.Puccini e nella trilogia Mozartiana, come Fiordiligi, Donna Elvira e La Contessa a Graz.

 All’eta’di 28 anni canta la sua prima Elsa nel Lohengrin di R. Wagner diretta da S.Soltesz a Stuttgart e nello stesso anno Marschallin in Der Rosenkavalier di R.Strauss, Sieglinde in Die Walküre di R.Wagner diretta da L.Zagrosek . 

Oggi e’protagonista nei più’ importanti teatri del mondo con un repertorio che spazia da G.Puccini a R. Strauss, da G.Verdi a R.Wagner. 

Grande interprete del ruolo di Floria Tosca di Puccini  che canta all’Opera di Roma con la regia di F. Zeffirelli diretta da G.Gelmetti, e in altre produzioni a Firenze diretta da Zubin Mehta, al Covent Garden di Londra diretta da A.Pappano,  all' Arena di Verona diretta da M. Armiliato con la regia di De Ana, alla Scala di Milano con N. Luisotti, a Caracalla in Roma regia di Pizzi diretta da Palumbo, a Parigi regia di Audi diretta da D. Oren a Vienna regia di Otto Schenk diretta da Armigliato e Carignani, a Berlino, Barcellona, Melbourne, Beijing, Montecarlo per i reali e al Teatro Greco di Taormina incisa in DVD con Bruson e Giordani.

 Tanti i ruoli da citare: Manon Lescaut di Puccini alla Fenice di Venezia regia di G. Vick diretta da Palumbo, ad Amburgo e al Festival Pucciniano; Maddalena nell’ Andrea Chénier a Zurigo diretta da Nello Santi, a Vienna diretta da Armigliato, a Catania e a Cagliari con la ragia di Del Monaco; Turandot diretta da Riccardo Chailly con l’Orchestra della Scala  al Festival Pucciniano e a Roma a Santa Cecilia, all’Arena di Verona regia di F.Zeffirelli diretta da D.Oren e ad Oman diretta da Placido Domingo, al Festival Puccini con la regia di Alfonso Signorini diretta da Veronesi a Bari per l’inaugurazione del Petruzzelli regia di De Simone, al Festival Pucciniano regia di Scaparro, a Genova regia di Montaldo, a Zurigo regia di Del Monaco, a Bilbao diretta da Mauceri regia di Espert.

 Da ricordare, Donna Elvira nel Don Giovanni diretta da Seiji Ozawa regia di F. Zeffirelli alla Wiener Staatsoper, la Contessa ne Le Nozze di Figaro diretta da Placido Domingo a Los Angeles e Fiordiligi nel Così Fan Tutte a Stuttgart diretta da Zagrosek.

 Nel 13’ canta nel Requiem di Verdi diretta dal G. Gelmetti a Montecarlo e nei ruoli Verdini di Elisabetta nel Don Carlo diretta dal Luisi al Teatro alla Scala di Milano e Abigaille nel Nabucco ad Orange diretta da Steinberg regia di Scarpitta, a Barcellona diretta da Oren regia di Abbado e all’Arena di Verona diretta da Frizza regia di De Bosio; Lady Macbeth di G.Verdi a Barcellona e a Vienna. 

E' tra i migliori soprani nel mondo tra le wagneriane come Sieglinde in Die Walküre al Metropolitan di New York diretta da F. Luisi, alla Wiener Staatsoper diretta da S. Rattle e in un’altra produzione da Welser-Moest , a Zurigo e Parigi diretta da P. Jordan, a  Berlino, Amsterdam, Touluse, Bregenz, Barcellona e Tokyo; Elsa nel Lohengrin a Parigi diretta da Jordan , a Palermo regia di Hugo De Ana, a Dresda, Stuttgart e a Bologna diretta da D.Gatti; Elisabeth nel Tannhäuser all’Opera di Roma con la regia di Carsen e ad Amsterdam con la regia di Lehnoff; Isolde nel Tristan und Isolde con l’orchestra del San Carlo di Napoli a Ravello. Eccellente Marschallin nel Der Rosenkavalier di Richard Strauss al Metropolitan di New York, alla Wiener Staatsoper e a San Francisco con la direzione di Runnicles, a Toulouse regia di Joel, Barcellona, Stoccarda, Monaco di Baviera ed Amsterdam. 

E’ stata protagonista della Genoveva di R. Schumann a Palermo, Marie in Wozzeck ad Essen, Lisa nella Pikovaja Dama di Tchaikovsky a Vienna diretta da Seiji Ozawa, a Barcellona diretta da Petrenko e a Bologna diretta da Jurowski, La sposa venduta di Smetana a Zurigo e a Bologna diretta da Jurovski. 

Si e’ esibita nelle sale da concerto di tutto il mondo in liderabende , Wesendonck Lieder di Wagner, nei Vier Letzte Lieder di R.Strauss diretta da Zubin Mehta con i Wiener Philharmoniker alla Musikverein di Vienna.

06 Ottobre 2017

Umberto Clerici

Written by
Violoncellista solista, camerista, primo violoncello in orchestra, docente, progettista culturale: in queste cinque dimensioni si può riassumere la ricca personalità artistica di Umberto Clerici.
Nato a Torino, comincia a studiare violoncello a tre anni con il metodo giapponese Suzuki, per poi diplomarsi presso il Conservatorio di Torino con Antonio Mosca. Il successivo perfezionamento con Mario Brunello e David Géringas gli apre nuovi orizzonti verso le dimensioni della fantasia e del rigore.
Nel 2000 vince il concorso indetto dalle ICO-Istituzioni Concertistico Orchestrali e intraprende la carriera solistica. Viene poi premiato allo Janigro di Zagabria, al Rostropovich di Parigi, e nel 2011 al Čajkovskij di Mosca (unico italiano premiato nella storia del Čajkovskij oltre a Mario Brunello).
Nel frattempo, si esibisce come solista in Italia e all’estero con orchestre come la Filarmonica di San Pietroburgo, la Russian State Orchestra di Mosca, l’Orchestra da Camera di Mantova, la Philarmonia Wien, la Filarmonica di Zagabria, l’Orchestra della Toscana e in alcune delle più prestigiose sale da concerto tra cui la Carnegie Hall di New York, il Musikverein di Vienna, la Great Shostakovich Hall di San Pietroburgo e l’Auditorium Parco della Musica di Roma. Nel 2012 esegue le Variazioni Rococo di Čajkovskij con l’Orchestra del Teatro Regio di Torino diretta da Valery Gergiev.
Accanto all’attività concertistica, la musica da camera e l’insegnamento ampliano la sua sensibilità.
Entrato nel Trio di Torino nel 2001, ne farà parte per quasi 15 anni, suonando nel frattempo anche in numerose formazioni cameristiche occasionali (con Mario Brunello, Itamar Golan, Sergej Krilov, Luis Lortie, Claudio Martinez Mehner, Andrea Rebaudengo, Pavel Vernikov e altri). A 23 anni diventa assistente al Mozarteum di Salisburgo, altra esperienza fondamentale nella sua crescita artistica.
Il mondo dell’orchestra gli consente di ampliare il repertorio orchestrale e fare esperienza delle interazioni che si sviluppano in formazioni musicali ampie. Come primo violoncello, collabora con la Filarmonica Toscanini di Lorin Maazel e, per alcune produzioni, con la Filarmonica della Scala; passa poi al Teatro Regio di Torino, con cui collaborerà per quattro anni.
La dialettica tra queste esperienze lo porta a innovare la formula tradizionale del concerto, considerato un vero e proprio progetto culturale. L’incontro con Claudio Martinez Mehner, nel 2011, stimola e rafforza questo processo, ulteriormente consolidato dal lavoro con Ferenc Rados.
Nel 2014 Clerici vince il concorso per Primo violoncello alla Sydney Symphony Orchestra e quello per docente di Violoncello all'Università di Sydney. Inizia così una fase nuova il cui primo frutto è il progetto interdisciplinare sul Don Quixote di Strauss, che vedrà la luce nel 2017.
06 Ottobre 2017

Chloë Hanslip

Written by

"In  queste magnifiche esecuzioni c'è una convinzione contagiosa, una  spontaneità e un brio che regalano loro una speciale distinzione "       Gramophone Magazine "Choice" Luglio 2013

Chloë Hanslip ,nata nel 1987, è già da tempo una affermata violinista a livello internazionale.

Precocemente dotata di un prodigioso talento, Chloë ha debuttato ai BBC Proms già nel 2002 e negli Stati Uniti nel 2003. Si è esibita molto presto in sale prestigiose del Regno Unito come la Royal Festival Hall e la Wigmore Hall a Londra, in Europa al Musikverein di Vienna, alla Laeiszhalle di Amburgo, al Louvre e alla Salle Gaveau di Parigi, a SanPietroburgo all'Hermitage, alla Carnegie Hall di New York, al Metropolitan  Arts Space di Tokyo e all' Arts Center di Seul.

Ha suonato con molte grandi orchestre : l'Orchestra della Radio di Monaco di Baviera diretta da Mariss Jansons, la Philharmonia , la Royal Philharmonic e la London Philharmonic di Londra, la City of Birmingham Symphony,  la Royal Liverpool Philharmonic, la BBC National Orchestra of Wales, i London Mozart Players, la Lahti Symphony,  l' Orchestra di Stato di Mosca, l'Orchestra della Radio Norvegese, la Real Filharmonia della Galizia, la Vienna Tonkünstler Orchester, l’Orchestra Beethoven di Bonn e la Sinfonica di Amburgo , l’Orchestra Nazionale Ceca, l'Orchestra Nazionale della RAI di Torino, l’Orchestra Regionale Toscana, la Helsingborg Symphony, la Royal Flemish Philharmonic e la Tampere Philharmonic Orchestra.

Ha suonato fin da giovanissima negli Stati Uniti con le Orchestre Sinfoniche di  Cincinnati, Detroit, Houston, in Asia con la Tokyo Symphony, la Malaysia Philharmonic, e la Singapore Symphony Orchestra, oltre che in Australia con l'Orchestra di Adelaide.   Chloë ha suonato con grandi direttori d’orchestra quali Sir Neville Marriner, Sir Andrew Davis, Mariss Jansons, Jeffrey Tate, Paavo Järvi, Charles Dutoit, Leonard Slatkin, Hannu Lintu, Claus Peter Flor, Michail Jurowski, Alexander Vedernikov e molti altri.

Incide per Hyperion e la sua prima registrazione fu dedicata ai Concerti di Vieuxtemps con la Royal Flemish Philharmonic Orchestra e Brabbins. Il suo cd dedicato alle Sonate di York Bowen con il pianista Danny Driver è stato premiato da Gramophone e The Strad, altre incisioni Hyperion comprendoni i Concerti di Glazunov, Schoeck e le Sonate di Medtner   . Ricordiamo poi i Concerti di Bruch con la London Sympony Orchestra per Warner Classic,che vinse ilPremio Echo Klassic,il Young British Classical Performer e il Classical Brits nel 2003 e il molto lodato Concerto per Violino di John Adams insieme alla Royal Philharmonic Orchestra e Slatkin e i Concerti di Hubay con la Bournemouth Symphony Orchestra.

Il repertorio di Chloë è molto vasto e comprende i Concerti di Britten, Prokofiev, Beethoven, Brahms, Korngold, Shostakovich, Barber, Bernstein, Mendelssohn, Bruch, Elgar, Tchaikovsky, Walton e Sibelius oltre a  opere contemporanee di Adams, Glass, Corigliano, Nyman, Kurt Weill, Huw Watkins , Peter Maxwell Davies e Brett Dean.

Chloë si esibisce  regolarmente anche come musicista da camera alla Open Chamber Music di  Prussia Cove  con Steven Isserlis e Gerhard Schulz, e al Kuhmo Chamber Music Festival in Finlandia.  Di recente è tornata alla Wigmore Hall per un recital con Charles Owen e suona regolarmente con Danny Driver, Angela Hewitt , Igor Tchetuev and Charles Owen. Nel 2012-13 ha curato la serie di Musica da Camera Internazionale a Leeds, dove ha messo a punto una serie di programmi sulla musica americana. 

Chloë ha studiato per dieci anni con il pedagogo russo Zakhar Bron. Ha continuato gli studi anche con Christian  Tetzlaff, Robert Masters, Ida Haendel, Salvatore Accardo, e Gerhard Schulz.   Suona un Guarneri del Gesù  del 1737.

In Italia Chloë Hanslip ha debuttato con grande successo nel 2003 suonando il Primo Concerto di Paganini con l’Orchestra Verdi a Milano, dove è poi tornata in anni recenti per suonare il Concerto no.1 di Goldmark e il Secondo Concerto di Paganini .E’ ospite regolare dell’Orchestra della Toscana , con cui ha suonato anche al Festival di Cortona e nel 2008 ha debuttato con l’Orchestra RAI di Torino e Jeffrey Tate. Ha suonato in recital in molte città e Festivals italiani.

www.chloehanslip.com

06 Ottobre 2017

Andrea Oliva

Written by

“Andrea Oliva è uno dei migliori flautisti della sua generazione, una stella brillante nel mondo del flauto”: cosí Sir James Galway definisce Andrea Oliva, Primo flauto solista dell’ Orchestra dell’Accademia Nazionale di S. Cecilia di Roma, ruolo che ricopre dal 2003.

Nato a Modena nel 1977, si diploma col massimo dei voti in soli cinque anni all’ Istituto Musicale “Vecchi-Tonelli” di Modena sotto la guida di G. Betti, perfezionandosi poi con C. Montafia, G. Cambursano, J.C. Gérard e Sir J. Galway ed iniziando subito una brillante carriera.

Fra i numerosi premi vinti nei più importanti concorsi flautistici internazionali spiccano il primo premio al Concorso Internazionale di Kobe (2005, primo italiano ad aver ottenuto tale riconoscimento) ed il terzo premio al Concorso Internazionale ARD di Monaco (2004).

La sua attività concertistica lo ha portato ad esibirsi in alcune fra le più importanti sale di tutto il mondo: Carnegie Hall di New York, Museo d’Arte Contemporanea di Londra in presenza della Regina Elisabetta, nella prestigiosa Bunka Kaikan Hall di Tokyo, all’Hong Kong Academy, in Chile ed a Cuba.

Già membro effettivo dell’Orchestra Giovanile Gustav Mahler, ha frequentato l’Accademia Herbert von Karajan, ed è stato invitato, a soli 23 anni, come Primo flauto ospite dai Berliner Philharmoniker sotto la direzione di prestigiose bacchette quali C. Abbado, L. Maazel, V. Gerghiev, S. Oramo, M. Jansons e B. Haitink. Invitato personalmente da C. Abbado, ha suonato con l’ Orchestra Mozart di Bologna e collabora come docente all’Accademia dell’Orchestra stessa.

Dal 2001 al 2003 è stato primo flauto dell’Orchestra del Teatro dell’Opera di Roma e attualmente collabora, nello stesso ruolo, con numerose orchestre quali i Bayerische Rundfunk e Orchestra da Camera di Monaco, Bamberger Symphoniker, Mahler Chamber Orchestra e Chamber Orchestra of Europe. Si è esibito varie volte in veste di solista con l’Orchestra Nazionale di S. Cecilia diretto da C. Hogwood, M.W. Chung e nel marzo 2010 da A. Pappano, eseguendo il Concerto di C. Nielsen (trasmesso dai RAI 3). Nel 2012 ha eseguito la prima nazionale del concerto per flauto e orchestra di M. A. Dalbavie diretto da M. Honeck.

E’ membro del GlobeDuo (flauto e chitarra con C. Savarese) con il quale si esibisce nelle più importanti stagioni italiane ed estere affrontando repertori nuovi ed inesplorati per questa formazione oltre che essere membro del "Quintetto di fiati Italiano". Richiestissimo ed apprezzato docente, insegna ai corsi di alto perfezionamento all’Accademia nazionale di S.Cecilia di Roma, il biennio superiore a Modena ed il triennio di alto perfezionamento presso l’ Accademia Internazionale “Incontri col Maestro” di Imola. E' attualmente Professore di Flauto principale presso il Conservatorio della Svizzera italiana (CSI Lugano). Ha inciso per "VDM Records" 'Sonate’ per flauto e pianoforte (M. Grisanti pf), per “Le Chant de Linos” le Sonate di Händel.

Per la rivista Amadeus “Le merle noir” di O. Messiaen e per "Wide Classique" 'Globe' (CD vincitore del Los Angeles Global Award 2013). Ha pubblicato inoltre un DVD didattico sul flauto (Edizioni Accademia2008) ed il CD “Bach Flute Sonatas” insieme alla pianista canadese A. Hewitt per “Hyperion”, con la quale ha debuttato nel 2014 alla Wigmore Hall di Londra. Di recente pubblicazione la 'Sonatina' di H. Duttileux e 'Romance' di Saint-Saëns per "Brillant" (A. Makita pf) e la "Sonata da Concerto" per flauto e archi di G. F. Ghedini per la "Sony".

Andrea Oliva suona un flauto Muramatsu 14k all gold SR. “Andrea Oliva is one of the best flutists of his generation, a shining star in the world of the flute” Sir. James Galway www.andreaoliva.com

06 Ottobre 2017

Sho Itoh

Written by

Nato a Tokyo nel 1982, il direttore d’orchestra Sho Itoh studia pianoforte e composizione presso la Toho Gakuen School of Music. Ha studiato direzione d’orchestra sotto la guida di Seiji Ozawa e di eminenti didatti giapponesi. Grazie ad una borsa di studio della Rohm Music Foundation, si è perfezionato presso la Universität Musik und darstellende Kunst di Vienna (2005-2007). Nel 2011 ha vinto il secondo premio al V Concorso per giovani direttori W. Lutoslawski e nel 2016 il primo premio al I Concorso Internazionale di direzione d’orchestra “Nino Rota” promosso dalla ICO della Magna Grecia. Oltre a rinomante orchestre in Giappone, ha diretto la Royal Chamber Orchestra di Cracovia, la Rzeszów Philharmonic Orchestra e l’Orchestra ICO della Magna Grecia. Ha collaborato a produzioni corali con la NHK Symphony Orchestra. Direttore assistente presso la Tokyo City Philharmonic Orchestra (2008-2009) e successivamente presso la Kanagawa Philharmonic Orchestra (2009-2012), è dal 2012 Direttore in residenza del Philharmonic Chorus di Tokyo.

06 Ottobre 2017

Sista Bramini

Written by

“Sista Bramini, una donna aedo, una griot occidentale capace di far vibrare la natura riportando in vita i miti fondanti della nostra cultura classica. In modo sistematico l’artista romana continua a narrare gli elementi della natura con il linguaggio bello e violento della mitologia.” F.Mascagni, L’Unità, 2 giugno 2013

Dirige la compagnia teatrale O Thiasos TeatroNatura in numerosi spettacoli presentati in parchi, riserve naturali, giardini storici e siti archeologici in Italia e all’estero. Sviluppa da più di vent’anni un progetto, divenuto un punto di riferimento culturale, sull’incontro tra teatro, luogo naturale, ricerca personale e coscienza ecologica collaborando con varie università ed enti culturali ( Musei e Soprintendenze) in progetti speciali. Il suo è un teatro d’ensemble, essenzialmente d’attore, che s’immerge e si snoda nel paesaggio al tramonto e all’alba, dialogando con gli elementi naturali e culturali presenti, senza ausilio di palchi, luci e amplificazioni artificiali. Nel 2000 vince il premio di Europarc come “miglior progetto d’interpretazione del territorio” e nel 2011 con La leggenda di Giuliano da Flaubert, la seconda edizione dei Teatri del sacro (Federgat). Come attrice narratrice, in un contatto diretto con il pubblico, assorbe le atmosfere del luogo per irradiarle in un atto performativo in cui la parola è radicata nella danza sottile del corpo e, legato spesso al mito classico, è accompagnato da musica vocale e strumentale dal vivo. In Viaggio di Psiche la sua ricerca artistica si apre a una sperimentazione con la musica elettronica di Giovanna Natalini che tiene conto del precedente percorso. (www.thiasos.it)