Luigi Piovano, violoncellista e direttore d’orchestra

Primo violoncello solista dell’Orchestra di S. Cecilia, Luigi Piovano si è diplomato in violoncello a 17 anni col massimo dei voti e la lode sotto la guida di Radu Aldulescu, con cui si è diplomato in violoncello e musica da camera anche a Parigi. Nel 1999 è stato invitato da Maurizio Pollini a prender parte al “Progetto Pollini” al Festival di Salisburgo, ripreso alla Carnegie Hall, a Tokyo e a Roma. Ha tenuto concerti di musica da camera con Sawallisch, Chung, Lonquich, Lugansky, Sitkovetsky, Kavakos, le sorelle Labeque. Dal 2007 suona regolarmente in duo con Sir Antonio Pappano e dal 2009 fa parte del trio Latitude 41. Ha suonato come solista con orchestre come l’Accademia di Santa Cecilia, la Tokyo Philharmonic, la New Japan Philharmonic e la Seoul Philharmonic sotto la direzione di Chung, Pletnev, Boreyko, Menuhin, Bellugi.
Suona un Alessandro Gagliano del 1710. Dal 2008 è direttore artistico dell’Estate Musicale Frentana.
Come direttore ha registrato per Naxos e ha collaborato con solisti come Bacalov, Bollani, Sitkovetsky, Thiollier. Nel 2012 Eloquentia ha pubblicato un CD in cui dirige i Kindertotenlieder e i Lieder eines fahrenden Gesellen di Mahler con Sara Mingardo, premiato in Francia come miglior CD di Lieder dell’anno.
Dal 2012 è direttore musicale dell’Orchestra ICO della Magna Grecia e dal 2013 di Roma Tre Orchestra. Nel 2013 ha avviato una collaborazione stabile alla testa dell’Orchestra d’Archi dell’Accademia di Santa Cecilia con la quale ha già registrato tre CD.
Fra i suoi impegni più recenti come direttore, il debutto sul podio della New Japan Philharmonic.