Alessandro Cadario

Alessandro Cadario è nominato Direttore ospite principale dell’Orchestra de I Pomeriggi Musicali per le stagioni 2016-2017 e 2017-2018.

 

Direttore d’orchestra dal gesto raffinato ed espressivo, si distingue per la presenza carismatica e le sue interpretazioni meditate e convincenti, sia nel repertorio sinfonico sia in quello operistico.

 

Ha compiuto gli studi di direzione d’orchestra con il massimo dei voti al Conservatorio G. Verdi di Milano perfezionandosi presso l’Accademia Musicale Chigiana di Siena con Gianluigi Gelmetti. Ha inoltre conseguito il diploma di violino, la laurea in direzione di coro e in composizione, con lode.

 

Dopo aver vinto il concorso internazionale di direzione d'orchestra “Peter Maag”, ha definitivamente attirato l'attenzione degli addetti ai lavori, nel 2014, in occasione del suo debutto alla Società del Quartetto di Milano e, nel 2015, con la direzione di Pollicino di H.W. Henze, al Maggio Musicale Fiorentino e con un concerto nella stagione sinfonica del Teatro Petruzzelli di Bari, di cui è stata particolarmente apprezzata l'interpretazione rossiniana ("Stabat Mater: con Cadario è un gran Rossini”, titola la Gazzetta del Mezzogiorno). Sempre nel 2015, ha debuttato al Teatro alla Scala di Milano in occasione del Festival delle orchestre internazionali.

 

Ha diretto importanti orchestre tra cui l’Orchestra Filarmonica di Monte-Carlo, l’Orchestra Filarmonica della Fenice, l’Orchestra e Coro del Teatro Petruzzelli di Bari, l’Orchestra Haydn di Bolzano e Trento, l’Orchestra e Coro del Teatro Lirico di Cagliari, il Concerto Budapest, l’Orchestra de I Pomeriggi Musicali di Milano, l’Orchestra di Padova e del Veneto e la Sofia Festival Orchestra.

 

Ha inoltre collaborato con solisti come Mario Brunello, Vittorio Grigolo, Alessandro Carbonare e Rainer Honeck.

 

Nel 2016 Alessandro Cadario debutta con l’Orchestra del Teatro Comunale di Bologna in occasione del concerto di gala del Concorso internazionale di Composizione “2 agosto”, con l’Orchestra del Teatro Massimo di Palermo, in luglio, nella rassegna Summerwhere, al Festival MITO SettembreMusica 2016 con l’Orchestra dei Pomeriggi Musicali. Dirige inoltre la City Chamber Orchestra di Hong Kong nella Grande Messa in do minore K.427 di Mozart, in occasione del suo debutto in Cina e il 16 ottobre debutta alla Biennale Musica di Venezia, nel contesto del progetto Biennale College, dirigendo le opere di due giovani compositori, Roberto Vetrano e Caterina Di Cecca.

 

Nella stagione 2016-2017 sono previsti tra l’altro un ritorno alla Società del Quartetto di Milano, alla testa di FuturOrchestra e un ritorno all’Opera di Tirana, con i Carmina Burana di Orff. Cadario ritornerà inoltre sul podio dell’Orchestra del Teatro Massimo di Palermo, per dirigere orchestra e Corpo di Balletto nello spettacolo La grande danza d’autore, con le coreografie di Jiri Kylian, Johann Inger e Matteo Levaggi, su musiche di W. A. Mozart, Maurice Ravel, Michael Nyman e Arvo Pärt, in scena dall’11 al 15 aprile 2017.


Il primo dei concerti che dirigerà al Teatro Dal Verme alla testa de I Pomeriggi Musicali, il 20 e 22 ottobre 2016, nel corso della stagione entrante (La tradizione del nuovo, per la direzione artistica di Maurizio Salerno) sarà interamente dedicato a Prokofiev, nel 125° anniversario della nascita. Il secondo appuntamento, del 12 e 14 gennaio 2017, inserito nel ciclo di esecuzioni sinfoniche beethoveniane, sarà dedicato alla quarta Sinfonia di Beethoven e completato dal Concerto per pianoforte n.2 di Saint-Saens.

 

Oltre al repertorio classico, Alessandro Cadario rivolge la sua attenzione alla musica contemporanea che interpreta con particolare dedizione, vista la sua duplice natura di direttore e compositore. Le sue composizioni sono state presentate in prima assoluta al Lincoln Center di New York, al Teatro dell'Opera di Darmstadt e al National Concert Hall di Taipei.

 

Collabora alla preparazione di FuturOrchestra, Orchestra Giovanile Lombarda, e dell'Orchestra Nazionale del Sistema delle Orchestre e dei Cori Giovanili in Italia, un progetto fortemente voluto dal M° Claudio Abbado, cui Alessandro Cadario continua a rivolgere le energie di chi desidera fortemente contribuire alla formazione della futura generazione di musicisti.