Venerdì 26 luglio 2019, ore 21.30
Castelbasso - Piazza Belvedere

MANI NUDE E SPILLI AL CUORE


ORCHESTRA SINFONICA ABRUZZESE

ANGELO VALORI musiche  e direzione
MARIANNA DI NARDO progetto e testi
FLAVIO INSINNA voce recitante
VALERIA DI GIAMPAOLO regia

Concerto teatrale per il decennale del terremoto del 6 aprile

Commissione ISA – Prima Assoluta per i Cantieri dell’Immaginario 2019  in collaborazione con Teatro Stabile D’Abruzzo

 

Logo I Cantieri dellImmaginario 2018 piccola   loghi 0007 Layer 0 copy

 

A dieci anni dal sisma che sconvolse la città e la provincia dell’Aquila, causando la morte di 309 persone, lo sfaldamento di tutto il sistema sociale e relazionale della comunità e la distruzione di un patrimonio artistico di altissimo valore, l’Istituzione Sinfonica Abruzzese dedica un’opera originale e multidisciplinare ad alcuni dei protagonisti di quei giorni e dei mesi successivi: i soccorritori.

Attraverso voci, sguardi, aneddoti, ricordi e silenzi, lo spettacolo rende artisticamente, grazie all’uso di più linguaggi e strumenti, la complessità del loro intervento. La musica, composta per l’occasione dal M° Angelo Valori, si fa mezzo di racconto e memoria, e punta i riflettori su uno dei punti di vista sulla tragedia aquilana spesso poco considerato sebbene carico di emozioni e intensità. Ma lo spettacolo è anche l’occasione per ribadire il ruolo fondamentale che l’arte e la musica hanno quali strumenti di ricostruzione, di speranza e di futuro.

Le testimonianze rilasciate dai soccorritori e raccolte nell’omonimo libro di Marianna Di Nardo, che ha ideato anche il progetto, saranno interpretate, grazie alla collaborazione con il Teatri Stabile d’Abruzzo, dalla voce di Flavio Insinna e costituiscono il filo conduttore di questo concerto teatrale. Accompagna la narrazione un racconto videofotografico, appositamente realizzato dal videomaker Davide Sabatini, che raccoglie e rielabora documenti fotografici e sequenze originali ed esclusive forniti direttamente dalle Forze dell’Ordine e del Soccorso coinvolte. La promettente Valeria Di Giampaolo firma la regia.