Items filtered by date: Martedì, 27 Novembre 2018
ORCHESTRA SINFONICA ABRUZZESE
MARIA SARDARYAN soprano
GIANLUCA SULLI guida all’ascolto
Martedì, 27 Novembre 2018 11:04

Guida all'ascolto concerti 1 e 2 dicembre

NICOLAJ RIMSKIJ –KORSAKOV, La notte prima di Natale, suite per orchestra

Esponente di spicco del “Gruppo dei Cinque”, Nicolaj Rimskij-Korsakov (Tikhvin, Novgorod, 1844 – Liubensk, Pietroburgo, 1908) condivise con Belakirev, Cui, Musorgskij e Borodin il comune ideale della musica nazionale, con la creazione di opere ispirate a tematiche e a motivi musicali tipicamente russi.

La suite orchestrale La notte prima di Natale è tratta dall’omonima opera in quattro atti composta da Rimskij-Korsakov (autore anche del libretto) tra il 1894 e il 1895 e rappresentata al Teatro Mariinskij di San Pietroburgo il 28 novembre del 1895. Basata su un racconto di Gogol (contenuto in Veglie alla fattoria presso Didan’ka, 1831), il soggetto fu utilizzato anche da Čaikovskij nel 1876 per l’opera Il fabbro Vakula.

L’opera contiene molti elementi soprannaturali, con la presenza del diavolo, di streghe, stregoni, magie, anime cattive, spiriti. La vicenda, ambientata nel villaggio ucraino di Didan’ka nella notte di Natale, narra della bella fanciulla Oksana, decisa a sposare Vakula, il fabbro del villaggio, a patto che lui le doni gli stivaletti della zarina; con l’aiuto del diavolo, Vakula riuscirà nell’impresa di procurarseli.

La Suite sinfonica fu scritta nel 1903 ed è composta da nove quadri che si succedono senza soluzione di continuità. Qui è possibile cogliere le grandi abilità di orchestratore di Rimskij-Korsakov (autore tra l’altro di un famoso Trattato di strumentazione), che pone il ritmo puro degli strumenti come elemento strutturale della composizione, sia nella loro singolarità che in combinazioni di grande fascino sonoro.

Nell’Introduzione il clima magico è reso dal mormorio degli archi, dagli interventi solistici dei legni e dei corni e dai timbri scintillanti del glockenspiel e della celesta, mentre è il flauto a proporre il tema saltellante della Mazurka delle stelle. Segue il breve Ballo delle comete, dal cui andamento accordale verso l’acuto di archi e legni prende vita un solo del violino che conduce alla Danza in circolo, introdotta da un motivo dolce e sereno dal clarinetto. La tavolozza sonora proposta da Rimskij-Korsakov si arricchisce ulteriormente di nuove suggestioni nella Czardas e pioggia di stelle cadenti, con il ritmo vivace dei legni sul pizzicato degli archi in un crescendo che sfocia nell’inquietante e cupo Sabba delle streghe. Il tema brillante della Polacca è il più conosciuto della Suite, che si conclude con la Scena VIII e il Corteo di Osven e Kolyada: qui il tema appassionato dell’Andante ben presto lascia spazio a un’atmosfera più rarefatta, con l’acquietarsi ritmico e dinamico della scrittura che conclude il brano con un accordo in pianissimo di tutta l‘orchestra.

Le musiche de La notte prima di Natale costituiscono anche la colonna sonora del film d'animazione sovietico del 1951 Noč' pered Roždestvom (La Notte prima di Natale) diretto dalle sorelleValentina e Zinaida Brumberg

 

Pëtr Il’ič ČAIKOVSKIJ, Sinfonia n. 5 in mi minore op.64

Solo otto anni separano la rappresentazione dell’opera di Rimskij-Korsakov dalla prima esecuzione della Quinta Sinfonia di Pëtr Il’ič Čaikovskij (Votkinsk, Urali, 1840 – Pietroburgo, 1893), avvenuta il 3 novembre del 1888 a Pietroburgo sotto la direzione dell’autore ottenendo un’accoglienza piuttosto fredda, soprattutto da parte della critica. Lo stesso Čaikovskij inizialmente ebbe a considerare negativamente il suo lavoro e soltanto dopo diversi anni la sinfonia si impose come una delle sue opere più eseguite e più amate.

Estraneo alle tendenze della scuola nazionale russa, Čaikovskij fu il rappresentante della tradizione musicale occidentale in Russia, attraverso le cui forme vengono filtrati e smorzati quei riferimenti al canto popolare che pure nella sua produzione non mancano.

Anche nella Quinta sinfonia è presente la tematica dell’implacabilità del destino, elemento ricorrente nella produzione di Čaikovskij, espressione di una travagliata condizione esistenziale: la fragilità di carattere, l’instabilità dei rapporti sentimentali con il rapido fallimento del matrimonio con Antonina Miliukova, la tormentata condizione di omosessuale, lo portarono più volte a un passo dal suicidio, malgrado il successo di dimensioni internazionali che aveva conosciuto già a partire dalla metà degli anni ’70 dell’Ottocento.

I tratti della sua personalità si riflettono nella musica, che esprime con evidenza i conflitti interni dell’autore.

Nell’Andante che apre il primo movimento della Sinfonia un cupo tema esposto dai clarinetti all’unisono esprime, secondo lo stesso Čaikovskij, la rassegnazione davanti al destino: è una sorta di tema conduttore, secondo il principio della costruzione ciclica, che si ripresenta durante tutto il corso della composizione. L’Allegro con anima che segue presenta un primo tema dal ritmo piuttosto vivace ma intriso di un’inquietudine che, come si apprende dagli appunti del compositore, allude a “mormorii, dubbi, accuse”, mentre il secondo tema ha un andamento di danza. L’Andante cantabile con alcuna licenza si apre con la melodia spiegata del corno, uno degli esempi più felici dell’invenzione melodica čaikovskiana, cui fa seguito una parte centrale con una nuova idea tematica introdotta del clarinetto e bruscamente interrotta dal ritorno del tema del destino, che risuona minaccioso anche nella ripresa del tema iniziale a chiusura del movimento. Il terzo movimento Allegro moderato è un elegante valzer, turbato verso la conclusione di nuovo dalla comparsa motivo del fato, che apre anche il Finale, ma questa volta in tonalità maggiore e con un incedere enfatico, in una sorta di corale. L’Allegro vivace si presenta ricco di idee, con i due temi che lo caratterizzano presentati ed elaborati in un discorso musicale che si esprime in un tono complessivo di grande teatralità e grandiosità sonora.

Gianluca Sulli

                                                                                 

                                                                                 

Published in Pagine semplici