21 Novembre 2019

IL TRIO CONCENTUS IN CONCERTO SABATO 23 ALL'AQUILA PER LA 45 STAGIONE ISA

Sabato 23 novembre alle 18 sul palco del Ridotto Comunale “V. AntonellinI”all’Aquila si esibirà per la 45° Stagione concertistica dell’Istituzione Sinfonica Abruzzese il Trio Concentus formato dal clarinettista Federico Paci, dal violoncellista Claudio Casadei e dalla pianista Tatjana Vratonic. In programma pagine di Ludwig Van Beethoven, Michail Ivanovič Glinka e Astor Piazzolla. Sarà questo il primo appuntamento in cartellone dedicato al repertorio cameristico, offerta sempre presente nelle stagioni dell’ISA in alternativa alle produzioni sinfoniche che vedono invece protagonista l’OSA e pensate per il pubblico colto ed esperto del capoluogo abruzzese.

Di grande esperienza e sensibilità, come sempre, i musicisti che si esibiranno: Federico Paci, direttore del Conservatorio “G. Braga” di Teramo vanta una lunga esperienza come clarinettista con esibizioni sia in Italia che all’estero in qualità di solista ospite di blasonati enti e festival. Non da meno il violoncellista Claudio Casadei, partner di musicisti di primo piano della scena musicale internazionale, particolarmente apprezzato dal M° Abbado, docente di violoncello al Conservatorio “G. Rossini” di Pesaro, che si esibirà con il suo violoncello “Domenico Rogieri” del 1600 appartenuto al grande Paul Casals. Con loro sul palco la pianista serba di nascita Tatjana Vratonic, attivissima operatrice culturale, vincitrice di numerosi premi internazionali di pianismo con una brillante carriera internazionale da pianista all’attivo.

“Ringrazio la Sinfonica Abruzzese e al suo direttore artistico Ettore Pellegrino – afferma Paci a nome del Trio Concentus – per l’opportunità di esibirci nell’ambito della 45a stagione concertistica dell’ISA. La formazione violoncello, pianoforte e clarinetto - continua - è atipica rispetto alla norma che prevede il violino al posto del clarinetto, ma aumenta le possibilità di espressività e cantabilità delle opere. Proporremo pagine di grande musica come il Trio in si bemolle maggiore di Beethoven, e il Trio Pathétique di Glinka che omaggia l’opera italiana con grandi temi e grandi slanci romantici tipici del repertorio melodrammatico italiano. Completa il programma una nostra trascrizione delle Quattro Stagioni di Piazzolla uno dei musicisti più importanti del Novecento che ha saputo coniugare la musica popolare con la musica classica offrendo pagine colte con profumo popolare, uno dei brani meno commerciale eppure molto amato e apprezzato”.

In contemporanea l’Orchestra Sinfonica Abruzzese, con il suo direttore residente, il M° Marco Moresco, sarà impegnata a Roma, sul palco del prestigioso Teatro Palladium per il Festival Nuova Consonanza, uno degli appuntamenti nazionali più importanti per la musica contemporanea. In programma brani commissionati proprio dalla Sinfonica Abruzzese in occasione del suo festival primaverile Musanima grazie al quale si è di fatto imposta non solo come autorevole interprete, ma anche come audace centro di creazione musicale sia per autori di fama che di giovani talenti.

Questo appuntamento romano si terrà a una settimana dall’importante concerto di sabato 30 novembre alle 21 sempre nella Capitale nell’Abbazia di Santa Maria in Aracoeli nell’ambito del Festival Sacrum dedicato alle vittime del 6 aprile 2009 a chiusura del decennale del terremoto aquilano. L’Osa sarà diretta in quell’occasione dall’aquilano Jacopo Sipari di Pescasseroli e ospiterà eccezionalmente il pianista Michele Campanella. Domenica 1 dicembre 2019 replica all’Aquila alle 18 nella Chiesa di San Silvestro.