06 Febbraio 2020

L'ISA dedica due concerti e una produzione discografica al genio di Respighi

Dopo il successo romano dell’Hyperion di Maderna eseguito martedì 4 febbraio 2020 nell’Aula Magna dell’Università la Sapienza, torna all’Aquila l’Orchestra Sinfonica Abruzzese con la sua 45° Stagione Concertistica. Sabato 8 febbraio alle 18 sul palco del Ridotto del Teatro Comunale del capoluogo abruzzese l’OSA dedicherà un concerto monografico ad un grande protagonista del Novecento italiano con il concerto Capolavori e rarità strumentali di Ottorino Respighi. Sul podio il direttore residente dell’Orchestra Sinfonica Abruzzese, il M° Nicola Paszkowski; solista ospite il flautista Roberto Fabbriciani. Replica a Città Sant’Angelo domenica 9 febbraio alle 18.00 nel Teatro Comunale per il Città Sant’Angelo Music Festival diretto dal giovane direttore artistico Alessandro Mazzocchetti.

Da questa produzione nascerà anche un disco per la Tactus, etichetta discografica di gran pregio specializzata nel repertorio classico, dedicato a Ottorino Respighi, uno dei protagonisti più celebri del primo Novecento, membro della “Generazione dell’Ottanta”, gruppo di compositori artefice del rinnovamento della musica italiana di quegli anni, capace di innestare sulle lezioni delle avanguardie europee la riscoperta dell’antica civiltà musicale italiana.

Il programma del concerto prevede opere giovanili del compositore come Serenata per piccola orchestra del 1905 - un piccolo cammeo di rara esecuzione – e due opere, Melodie et valse caréssante del 1902 e la Suite per flauto e archi del 1905, riscoperte dal flautista protagonista dei concerti, Roberto Fabbriciani che ne ha curato l’edizione critica sottolinenadone la modernità rispetto alla musica italiana coeva e la ricchezza di tratti propri delle nuove tendenze europee.

Completano il programma due opere concepite sui temi di compositori italiani dal Cinquecento al Settecento: la prima suite di Antiche arie e danze per liuto, e la suite Gli uccelli, uno dei brani più frequentati di Respighi, composta nel 1927.

I protagonisti: sul podio salirà il direttore Nicola Paszkowski bacchetta di grande sensibilità ed esperienza che, oltre ad aver diretto le maggiori compagini orchestrali d’Italia, per 12 anni è stato prima direttore preparatore dell’Orchestra Giovanile Italiana, ideata da Piero Farulli, e poi nel 2009, su invito di Riccardo Muti, direttore dell’Orchestra Giovanile “L. Cherubini”.

Ospite solista Roberto Fabbriciani, flautista e compositore, internazionalmente riconosciuto come grande interprete, innovatore della tecnica flautistica moltiplicando, con la ricerca personale, le possibilità sonore dello strumento; è stato collaboratore di grandi compositori del nostro tempo che gli hanno anche dedicato numerose ed importanti opere eseguite nella lunga e ricca carriera di concertista affermato.

Prossimo appuntamento con l’ISA sabato 15 febbraio all’Aquila con un grande concerto dedicato alle musiche da film di Ennio Morricone (Ore 18, Ridotto del Teatro Comunale). Replica domenica 16 febbraio a Tortoreto (Centro Congressi Salinello Camping Village – ore 18).